Pro Loco di Pulsano

SOSPENSIONE UNPLI: la vicinanza dei Consiglieri della Regione Puglia

Pro Loco di Pulsano: il caso UNPLI sarà discusso in Regione. “Chiediamo che la Pro Loco di Pulsano sia reintegrata immediatamente all’interno della Delegazione di appartenenza”

La Pro Loco di Pulsano ha scelto di mantenere una posizione limpida e trasparente nei confronti dei soci, delle associazioni del territorio e dell’intera cittadinanza, chiarendo le proprie posizioni in merito alla sospensione promulgata dal Consiglio Regionale UNPLI nei confronti dell’Associazione.

Con data 7 gennaio 2018 è stata notificata alla Pro Loco di Pulsano una sospensione della durata di 24 mesi, a firma dei membri del Comitato UNPLI Puglia e del proprio presidente Rocco Lauciello, provvedimento risultato inaspettato e inesplicabile. Il tentativo di dialogo con l’Ente e il ricorso portato avanti dalla Pro Loco in questi mesi non ha, purtroppo, avuto l’effetto sperato ottenendo semplicemente una ulteriore comunicazione UNPLI, di poche righe, a conferma della posizione presa.

Il Presidente della Pro Loco di Pulsano Francesco Vergallo e l’intero Consiglio Direttivo hanno per questo deciso di fare luce pubblicamente su alcuni punti fondamentali della questione attraverso una conferenza stampa che si è svolta sabato 7 aprile, presso la sala consiliare del Castello De Falconibus di Pulsano, alla presenza dei Consiglieri della Regione Puglia Cosimo Borraccino e Renato Perrini.

“Abbiamo deciso di convocare questa conferenza per fare un po’ di chiarezza sulle notizie circolate negli ultimi giorni – ha esordito il Presidente Francesco Vergallo. Chiarisco innanzitutto che la Pro Loco di Pulsano non chiude, il Presidente ed il Consiglio Direttivo non hanno commesso alcun atto illecito, dunque continueremo a portare avanti le attività previste nella programmazione estiva 2018. La nostra Associazione possiede uno statuto ed un atto costitutivo propri, che la rendono completamente indipendente da qualsiasi altro Comitato.

Per entrare nel merito della questione UNPLI è bene chiarire quanto segue: i portavoce della Delegazione Magna Grecia, di cui questa Pro Loco fa parte, assieme ad altre 18 del territorio, ha ricevuto nei mesi scorsi diverse comunicazioni da parte dei consociati, senza mai rispondere. Si è trattato di mail in cui si fornivano costruttivamente e con spirito di cooperazione spunti relativi alla gestione delle future iniziative, tuttavia mai condivise dai vertici della Delegazione e dal Comitato UNPLI di riferimento. Il risultato è stato, con mio rammarico, una sospensione di 24 mesi per l’Associazione che qui rappresento.

In un periodo in cui si lavora faticosamente per costruire reti e percorsi condivisi, assumere un atteggiamento così distruttivo nei confronti di liberi volontari mina non solo la struttura democratica dell’UNPLI, ma mette a rischio la stessa esistenza delle nostre Pro Loco. Quanto accaduto colpisce gravemente l’immagine della mia persona, della Pro Loco di Pulsano, che non potrà candidarsi alle imminenti elezioni della delegazione Magna Grecia, e dell’intera comunità.

Quando il 30 marzo è giunta la conferma della sospensione da parte del Collegio dei Probiviri UNPLI, a seguito del nostro ricorso, non nascondo che il Direttivo di questa Associazione ha valutato di dimettersi.

Ma poi ci siamo chiesti: perché distruggere tutto ciò che è stato costruito in questi anni? Perché non  continuare a difendere il nostro patrimonio? Invito tutte le Pro Loco a non aver paura di esprimere il proprio pensiero rispetto all’operato della Delegazione Magna Grecia, ed esorto tutte le forze politiche e tutti i pulsanesi a sostenere la Pro Loco di Pulsano ed il volontariato in generale. L’ultimo appello lo rivolgo al Presidente Regionale Unpli Rocco Lauciello e al Presidente Nazionale Unpli Antonio La Spina affinché la Pro Loco di Pulsano possa essere immediatamente reintegrata nella sezione di appartenenza”.

“Ho detto al Presidente Vergallo di andare avanti e non mollare, perché non ha nulla di cui rimproverarsi – ha commentato il Consigliere Regionale Cosimo Borraccino. La risposta da parte dell’UNPLI al ricorso presentato dalla Pro Loco di Pulsano è straordinariamente vergognosa, scritta in burocratese, e non entra minimamente nel merito della questione. Per questo ho presentato un’interrogazione all’Assessore all’Industria Turistica e Culturale della Regione Puglia Loredana Capone e, già a distanza di pochissimi giorni, ho ricevuto risposta dal suo Segretario Particolare che ha effettuato le prime verifiche sul caso. Siamo ora in attesa del riscontro ufficiale da parte dell’Assessorato.

Non ci fermiamo qui, discuteremo della controversia in Consiglio Regionale – ha continuato Borraccino. Non si può mortificare una realtà come questa soltanto per mettere il bavaglio a forze giovani che vogliono emergere. Qualcuno deve capire che la vita va avanti, la società si evolve, le modalità di pianificazione delle attività delle Pro Loco mutano col tempo ed è universalmente riconosciuta qui nella Provincia di Taranto la grande capacità organizzativa della Pro Loco di Pulsano”.

“Portiamo avanti insieme l’obiettivo di revocare questo provvedimento perché solo se il territorio è unito si ottengono dei risultati – è stato l’intervento del Consigliere Renato Perrini. Questa è un’Associazione che funziona, in cui si fanno le cose con passione e le forze politiche locali hanno il dovere di fare squadra, indipendentemente dalle appartenenze partitiche”.