Pro Loco di Pulsano

La voglia di diventare grandi contro le convenzioni sociali – Giovedì 3 agosto

Diamante nero (Francia, 2014), di Céline Sciamma
Titolo originale: Bande de filles
Con Karidja Touré, Assa Sylla, Lindsay Karamoh, marietou Toure
Genere: Drammatico
Durata: 113 minuti

locandinadiamanteneroPrima con Tomboy e poi con il bellissimo film d’animazione La mia vita da zucchina (di cui ha scritto la sceneggiatura), l’autrice francese Céline Sciamma ha raccontato l’infanzia nelle sue pieghe più inquiete, fra ricerca d’identità e un difficile rapporto con gli “specchi di famiglia”. Ora l’esplorazione tematica prosegue con Diamante nero, che vede la giovane Vic insieme a tre amiche dallo spirito libero nella strada verso l’età adulta. Lo scenario è quello della banlieu, qui raccontata attraverso un inedito punto di vista al femminile: una scelta programmatica forte e alquanto lontano dalle dinamiche al maschile con cui si è spesso preferito raccontare la periferia parigina. Rumorose, esuberanti, ma in grado di fornire un ritratto intimo e veritiero, le protagoniste del film incarnano una volta di più quella contraddizione fra sentimenti capaci di generare contrasti virtuosi e dare così forza alla sincerità del narrare.

La voglia di diventare grandi e lo scimmiottare i comportamenti radicati dalle convenzioni sociali, si sposa perciò a un’esaltazione dell’innocenza puramente adolescenziale. Tutto è iscritto ancora una volta su interpreti dotate di grande carisma fisico, esordienti e in grado di esprimere le loro pulsioni con il linguaggio del corpo, e un calibrato lavoro di recitazione. A corollario si distingue l’ipnotica colonna sonora di Para One, musicista e produttore francese, che nel rielaborare costantemente un unico tema, con differenti variazioni, riproduce l’incastro di vite capaci di far risaltare la propria unicità su un contesto apparentemente già scritto. Il film ha ottenuto quattro candidature ai premi César, gli Oscar francesi, ed è stato finalista al Premio Lux del Parlamento Europeo.