Pro Loco di Pulsano

LE BAND UFFICIALI DI SEGRETI E SAPORI 2013

Nome: COKIBEBAESHIVA
Genere: Fanky-jazz psikedelico
Biografia:
E’ un progetto nato nel 2012 che vede la partecipazione di Giuseppe Conte al basso e Cosimo Friscira tastiere e percussioni. Il genere musicale spazia dal jazz alla musica africana ai gruppi folk psichedelici e blus. In fase di realizzazione un cortometraggio per promuovere la musica indipendente.

Nome: Extrema Ratio
Genere: Elettronica, FUTURE WAVE
Link: video
Biografia:
Extrema Ratio nasce alla fine del 2010, lasciandosi alle spalle i Good Prospect, per orientarsi verso uno stile sempre più personale ed inedito. Dall’idea di Donato Maiuri unitamente alla collaborazione di Francesco Giuliano, il progetto ha inizio con un brano: ” Anime della notte” , che connota tutto il successivo lavoro. Il video girato con modalità del tutto amatoriali, permette ad “Anime della notte” ed agli Extrema Ratio non solo di posizionarsi per un giorno intero tra i primi 100 video musicali più visti su YouTube ma, è il volano di numerosi contatti con i locali della provincia tarantina . Attualmente si fa strada l’idea del trio ” voce / chitarra , basso , batteria ” in un contesto futurista : Voce/tastiere , Chitarra, Programmazione/Dj. Per rendere realizzabile l’idea Donato contatta anche Roberto Sticchi. Si lavora ad un nuovo album, ad una nuova concezione del “live” , il “vecchio” repertorio si rinnova completamente.
Con i nuovi Extrema Ratio, nasce la Future Wave.

Nome: Abol in Rockloba
Genere: Rock
Link: video
Biografia:
Il nome”Rockloba” nasce alla fine del 2007 come un progetto cantautorale dell”Abol” Pierluigi Tosi, poi adottato dalla band. Il primo album, dal titolo”Il Cigno Nero”, viene pubblicato tra il 2009 e il 2010, per essere poi raccolto nel 2011.Nel Maggio del 2013 viene pubblicato il secondo disco della band, dal titolo “Il Distillato”. Abol e i Rockloba non vogliono essere catalogati, costretti ai paletti di un genere fisso, quindi si sono inventati il “sour mash rock”, un miscuglio ubriaco di suoni. Nessun limite, nessun bicchiere vuoto, prendendosi la libertà di spaziare dal folk all’elettronica, con palesi riferimenti alla musica popolare e balcanica, ma tutto amalgamato da sonorità tipicamente rock.

Nome: Don’t Ask Me
Genere: Indie-rock, Post-Punk, Stoner, New-Wave
Link: http://dontaskme.bandcamp.com/album/live-in-garage
Biografia:
Ci identifichiamo in una generazione, che troppe volte si è sentita chiamare “fannullona” e “svogliata”, ma che in verità è molto lontana da certi stereotipi appiattenti. Così, il nostro “don’t ask me” è uno sfottò ironico su quel “non chiedere nulla alla vita” che spesso ci viene appiccicato addosso. La realtà è che siamo pronti ad esplodere.
La band ha all’attivo un Ep autoprodotto ,”live in garage”registrato in presa diretta ed ora in free download su diverse piattaforme. Un mix di errori e improvvisazione che è riuscito a catturare la nostra personalità nei live. Prossimo all’uscita è il nostro primo Album “Dancing Cage” mixato da Fabio Magistrali. Abbiamo partecipato ad alcuni festival interessanti come “Lottarox Summer fest 2012” e “Giovinazzo Rock Fest 2012” ma sono numerosissime le serate che ci hanno visto protagonisti da due anni a questa parte.

Nome: Collettivo Musicale IN.CON.TRA.DA
Genere: Popolare
Link: http://www.collettivomusicaleincontrada.org/
Biografia:
In.Con.Tra.Da. (In-Contri, Con-taminazioni, Tra-dizioni, Da Sud a Nord ) nasce a Torino negli anni Duemila con l’intento di promuovere le espressioni artistiche – fra musica e danza –tipiche del nostro Sud e, più in generale, dell’intero bacino Mediterraneo. Il collettivo inizia a riunire musicisti, danzatori, artisti, creativi ed appassionati con lo specifico intento di dare origine a momenti di contaminazione fra provenienze, interessi, specificità, per promuovere il tradizionale come elemento di aggregazione. Il contesto urbano torinese offre la sintesi fra dimensione territoriale ed espressione culturale consentendo in breve al progetto In.Con.Tra.Da. di farsi proposta apprezzata nel panorama folk : concerti, laboratori di danze, stage di percussioni del Sud, spettacoli ed eventi, collaborazioni con enti ed istituzioni, progetti didattici divengono la concreta rappresentazione dell’impegno del Collettivo.

Nome: Samsara
Genere: Rock
Link: http://www.sumproject.org/samsara
Biografia:
I Samsara nascono all’incirca nel 2006 quando il chitarrista Giuseppe Calvano e il sempre alto bassista Andrea Boccuni si incontrano e decidono dal nulla di formare un gruppo dallo spirito libero, senza dare un genere ben definito. Ben presto si aggiungono il sempre sedicenne batterista, Claudio Scollo e il buon Salvatore Iaia detto “Tato”. Il gruppo ora completo inizia a lavorare sui primi pezzi e senza troppi indugi si lancia in diverse serate live, riscuotendo discreto insuccesso! Intanto il lavoro in sala prove inizia a dare i suoi effetti, e le varie influenze musicali dei componenti portano il gruppo ad avere sonorità imprevedibili, sonorità che renderanno i Samsara lontani, e allo stesso tempo vicini a diversi generi musicali.

Nome: Scream of butterfly
Genere: Blues, Jazz, Grunge, lirica, Alternative rock
Link: video
Biografia:
Gli “Scream of butterfly” nascono come trio acustico nel marzo del 2012, dall’incontro dei due fratelli Vittorio e Alessandra Filomarino con il chitarrista Vittorio Sanfilippo. L’idea di suonare in acustico nasce dalla libertà di provare in ogni luogo, ma anche dalla volontà di sperimentare il proprio sound. La loro musica è espressione delle pulsioni umane, della volontà di opporsi allo scorrere inesorabile del tempo, in una realtà che soffoca l’uomo e lo rende schiavo della norma e della routine; una routine che come cantano i versi di una loro canzone dal titolo “Cronologiche pulsioni”, si deposita tra le righe della vita, distaccando le attitudini ed affannando l’uomo di futili bisogni. Nei loro testi emerge la speranza di una rinascita, di un grido che sia da faro per l’umanità e che non soccomba alla quotidianità come grido muto di farfalla; che sia espressione di se stessi e della propria follia creativa proprio come cantano i versi di “Kissed by madness”. Difficile definire il loro genere che nasce dalla fusione delle loro influenze musicali e dei loro studi. Nei loro brani è possibile infatti percepire sfumature che vanno dal blues al jazz passando per la musica lirica.

Nome: Ethn’n’roll
Genere: Pizzica e Tarantelle
Link: video
Biografia:
Ethn’ n’ roll da nome ad uno stile musicale che unisce il rock prog di tradizione ai suoni acustici e virtuosi di strumenti a corde, a fiato e percussivi per un’esperienza musicale vitale ed unica.
Ethn’n’roll e una band lucana formatasi in Basilicata nel 2009. Ethn’n’roll da nome anche ad uno stile musicale che unisce il rock prog di tradizione ai suoni acustici e virtuosi di strumenti a corde, a fiato e percussivi per un’esperienza musicale vitale ed unica. Le liriche forti e impegnate incitano alla rivolta e questa ribellione sarà opera di un movimento popolore rinnovato e forte capace di generare un neoilluminismo in una societa pura.

Nome: Le Diverse Mode
Genere: Rock Italiano
Link: http://www.diversemode.com/index.html
Biografia:
La band nasce nel 2006 composta da:Giovanni Pagliaro,Daniele Manco,Andrea Manco,Giuseppe Cavallo fin da subito cominciano a scrivere brani inediti,procurandosi fan che li seguono nelle esibizioni in tutta la provincia di Taranto. Nel 2008 vincono il green tour festival un contest itinerante nei comuni del Tarantino.
Partecipano al premio mia martini classificandosi terzi su 35000 partecipanti provenienti da tutta Europa. Nel 2012 si preparano per Sanremo nella sezione SANREMO SOCIAL arrivando tra i
primi 30. Nel ultimo anno gli sviluppi sono stati sostanziosi dopo essersi classificati tra i primi dieci nella sezione area Sanremo si accingono a registrare il loro secondo disco, che li rivoluziona nel look ,nella forma e negli arrangiamenti musicali, infatti sono seguiti da uno staff manageriale e da PROFESSIONISTI del settore che hanno contribuito alla riuscita del disco che si intitolera’ “NOUsE’

Nome: The Blues Social Band
Genere: Rock and Blues
Link: Facebook
Biografia:
THE BLUES SOCIAL BAND è una formazione nata nel 2012 dal connubio tra i 5 elementi che la compongono e la passione unanime per il rock-blues internazionale. I componenti, dal bagaglio musicale ultradecennale, pur provenendo da diverse esperienze musicali, con corpo e anima, hanno dato vita ad una band dallo stile inconfondibile. Il loro target è quello di far rivivere, agli amandti del genere musicale, le emozioni dei celeberrimi brani eseguii dai grandi artisti, quali ad esempio, J. Hendrix, S.R. Vaungan, G. Moore, B.B. King, E.Clapton.

Nome: Eco Revèrse
Genere: Sperimentale, New Wave, Elettronica
Link: Facebook
Biografia:
Gli Eco Revèrse nascono sul finire del 2012 quando Andrea e Francesco dopo aver trascorso un lungo periodo in studio per la composizione di alcuni brani decidono di cercare un batterista per sviluppare nuove idee. Per varie coincidenze incontrano Michele, batterista proveniente da vari generi che proprio per questa caratteristica sposa subito le idee dei due.
Inizia così il cammino del trio che per un anno si dedica alla ricerca e alla composizione in studio mescolando suoni elettronici e classici. Il risultato è una scaletta molto variegata, di difficile classificazione e soprattutto inedita che abbraccia vari generi come Rock, Elettronica, Classica, etc…
Questa difficile collocazione musicale rappresenta per il trio un punto di forza deciso per portare avanti questo progetto.

Nome: ENTR’ACTE
Genere: Jazz, soul, pop
Link: video
Biografia:
Il duo ENTR’ACTE, formato dal chitarrista Eupremio Ligorio e dalla cantante Germana La Sorsa, nasce con l’intento di riarrangiare in una personalissima chiave acustica alcuni tra i brani che hanno fatto la storia della musica pop, soul e jazz. Eupremio Ligorio si avvicina allo studio della chitarra all’età di 17 anni e ne studia la tecnica con vari e celebri Maestri quali (per citarne qualcuno) Salvatore Russo, Giovanni Unterberger e Osvaldo Di Dio. Oltre che musicista, Eupremio è insegnante e arrangiatore e dopo le svariate collaborazioni e grazie soprattutto all’esperienza maturata in studio di registrazione e dal vivo, esce, nel 2012 il suo primo lavoro da solista interamente autoprodotto: HOME. Germana La Sorsa inizia il suo percorso artistico con lo studio prima del pianoforte classico, poi del pianoforte jazz con i Maestri Ettore Carucci e Bruno Montrone. Ben presto si accorge che lo strumento che maggiormente le permette di esprimere al meglio la sua arte è la voce; per questo si affida prima alla docente M° Paola Arnesano (vincitrice nel 2009 del Jazz Awards “Luca Flores” come migliore cantante jazz) poi al M° Mario Rosini (secondo classificato al Festival di Sanremo 2004) con cui studia canto jazz e tecnica d’improvvisazione per cantanti. Nel 2012 partecipa alla finale della 18^ edizione del Premio Mia Martini per la sezione Nuove Proposte per l’Europa con VOLO VIA, primo inedito di cui è autrice insieme al musicista e songwriter Giorgio Mongelli ed alla cantante tarantina Tanya Pugliese. L’immediata affinità musicale tra i due musicisti tarantini li porta, dall’agosto 2010, ad una collaborazione; il fine è quello di riproporre brani noti con uno stile unico che fonda le sonorità rock blues della chitarra con l’eleganza della voce di matrice jazzistica. Sebbene di estrazioni musicali molto diverse, l’intento riesce alla perfezione in un connubio unico tutto da assaporare.

Nome: LES guitaR project
Genere: rock, fusion
Link:
Biografia:
Il “LES guitaR project” nasce dall’idea di Eupremio Ligorio e Rocco Solito nel 2013
con l’intento di voler promuovere composizioni inedite!Il gruppo è composto da Eupremio Ligorio e Rocco Solito alle chitarre, Giovanni Semeraro alla batteria e Tommaso Putignano al basso elettrico.
Il genere musicale proposto è un mix tra sonorità Rock e Fusion e non mancano influenze funky e ritmi latin-jazz dove gli strumenti si susseguono in ipnotici riff ed incalzanti soli. Al momento il gruppo è impegnato nelle registrazioni del primo Cd composto da nove brani strumentali, il lavoro, dal titolo ancora da definirsi, tutto rigorosamente autoprodotto, uscirà a settembre.
I brani possono essere ascoltati nei concerti live quindi se siete amanti della 6 corde o semplici cultori della MUSICA strumentale non mancate assolutamente.

Nome: Big Steel Shit
Genere: Alternative Metal/Post Grunge
Link: Audio
Biografia:
I Big Steel Shit nascono a Taranto nell’agosto del 2006, come Big Shit d’Acciaio, dall’idea di due strettissimi amici Stefano D’Errico e Marco Costante, accomunati dalla stessa passione per il mondo del rock e del grunge in particolare e per la chitarra, che hanno appena cominciato a suonare da autodidatti. Presto alla band si uniscono Gianni Lopriore, cugino di Marco al basso e Giovanni Chiriatti, un amico in comune alla batteria.
A fine anno Gianni lascia la band per incomprensioni con Stefano ed al suo posto arriva Luca Marangi, bassista talentuoso e poliedrico. E’ con questa line-up che nascono non molto tempo dopo le prime composizioni della band, il cui nome viene tramutato in quello attuale. Nel 2007, poi, arriva il primo cantante della band Umberto Pizzigallo, un ragazzo con grande esperienza nell’ambito del thrash metal e che, anche se costretto presto a lasciare per proseguire i suoi studi universitari a roma, ha contribuito a incattivire il suono dei BSS. Inaspettatamente al suo posto ritorna, nelle vesti di cantante Gianni Lopriore e con questa formazione i BSS cominciano l’attività live.
Presto però anche Luca lascia il gruppo per cercare esperienze in gruppi più congeniti al suo background musicale e al suo posto entra nella band Valerio Cavallaro, un amico di vecchia data di Stefano e Marco. Inizia con l’ingresso di Valerio nel gruppo, un prolifico periodo di stabilità per i Big Steel Shit che alternano la composizione di nuovi pezzi ad un’intensa attività live, caratterizzata da scatenati spettacoli in elettrico ma anche da alcune performance unplugged com’è tradizione per i gruppi Grunge.
Il magico periodo però s’interrompe bruscamente nell’ottobre del 2009 quando Giovanni Chiriatti, storico batterista della band, decide di cominciare una carriera da cantante solista reggamaffin con lo pseudonimo “Lu Markese”. Dopo alcuni mesi alla frenetica ricerca di un nuovo batterista, Marco e Stefano s’imbattono quasi per caso in Davide Perrucci, un ragazzo che li sorprende con un provino durato un minuto scarso. Davide entra a far parte della famiglia BSS nel dicembre 2009 e subito cominciano le prime sessioni di registrazione per il primo album autoprodotto dalla band, “Greavy” contenente 8 tracce, frutto dei primi anni di gavetta.
La band cambia infine anche bassista e saluta l’ingresso nel gruppo di Alessandro Lippo. Dopo qualche mese con questa formazione i Bss devono dire addio anche a Davide Perrucci costretto a lasciare il gruppo per motivi personali. Seguono alcuni mesi di transizione impiegati a cercare un nuovo, più moderno sound e a provinare batteristi adatti alle nuove esigenze musicali del gruppo. E’ così che dopo un’infinità di tentativi vani, a Maggio 2011 il dott. Fulvio Orlando appena tornato in città dopo anni di studi universitari a Ferrara entra a far parte della famiglia come nuovo, entusiasmante batterista. Il buon Fulvio è un overdose di esperienza e creatività per la band che finalmente da l’impressione di aver raggiunto la maturità artistica necessaria per creare nuovi pezzi inediti lontani ormai dal sound del primo album..
Prende velocemente forma il nuovo album Shit Happens, i cui dodici brani sono ora in fase di registrazione, anticipato dall’uscita sui canali della rete dell’ EP promozionale Industrial Fever. Nel Settembre dello stesso anno è ancora una volta la sfiga a mettere lo zampino nella carriera dei Big Steel Shit che si ritrovano d’un tratto senza bassista quando “Lippo”, amatissimo dai suoi compagni e dai fans è costretto a partire per La Spezia per motivi lavorativi. Ma i nostri ragazzi non si danno per vinti e continuano a lavorare sulla loro musica aspettando l’ennesima svolta.

Nome: The Gentlemen
Genere: Hard Rock, Rock ‘n’ Roll, Rock Blues
Link: Audio
Biografia:
I Gentlemen nascono a Massafra nel Luglio del 2010 da una idea di 5 amici che decidono, un po’ per passione e un po’ per gioco, di partecipare ad un festival che avebbe allietato una calda serata estiva nella Tebaide jonica. Nato come progetto temporaneo, il progetto Gentlemen, invece, col passare del tempo ha continuato ad esistere portato avanti da voglia di divertirsi e passione per la musica. L’obiettivo del progetto Gentlemen è di riprodurre un salto nel passato, dalle sonorità rock and roll di Chuck Berry sino al blues duro di Gary Moore, passando per Doors, Blues Brothers, ZZ Top, Beatles, Rolling Stones, riproponendo in chiave più moderna e più “hard” quel ventennio rock and roll ’50-’60 che ha influenzato tutta la musica moderna e che ha fatto, e continua a fare, divertire intere generazioni.Nel giro di 2 anni hanno maturato una notevole esperienza suonando anche per grandi artisti italiani, come gli Adels e Guido Campiglio. Nel giugno 2012 hanno registrato a Londra il loro primo EP contenente 6 tracce completamente inedite in uscita a Febbraio 2013.
Il tutto con un unico obiettivo: divertirsi e far divertire, in fin dei conti siamo gentiluomini!

Nome: Quadrophenix
Genere: Rock
Link: http://www.quadrophenix.it/
Biografia:
a nascita dei Quadrophenix la dice lunga riguardo alla loro essenza fondamentale. Infatti, il fatidico primo incontro tra Alessandro De Vincentiis e Alberto Agresta avviene durante le ore di volontariato di Clownterapia presso l’ospedale di Taranto, una calda domenica di un caldo luglio di un caldo 2006. Vagabondando per le corsie dell’ospedale, fra un camice colorato, un naso rosso e una battuta, i due scoprono di avere in comune la passione per la musica. Alessandro (chitarrista ritmico) e Alberto (cantante) decidono così di provare, quasi per scherzo, a cantarsela e a suonarsela insieme, ma, anche se fare cover di pezzi già famosi può essere un’attività molto soddisfacente, lo strambo duo decide di spalancare le porte della fantasia iniziando a cantare e suonare le canzoni scritte dallo stesso Ale. A loro, in breve tempo, si unisce un primo batterista ed un bassista, Tiziano Basile, che all’inizio non sembra essere del tutto convinto dal genere proposto dal gruppo. Infatti, le prime canzoni scritte da Alessandro non sono granché, nulla di più che esperimenti musicali legati agli anni di un’adolescenza caratterizzata dalla massiccia influenza di Beatles e Oasis, nonché da una potente sfiga nel campo sentimental/amoroso. Tiziano decide comunque di aspettare buono buono le evoluzioni stilistiche che, ne è certo, sarebbero arrivate.